BIT, PAROLINI DOPODOMANI A INAUGURAZIONE E A CONFERENZE STAMPA ‘INBICI’ E ‘CULTCITY’

L’assessore allo Sviluppo economico
della Regione Lombardia Mauro Parolini inaugurera’ dopodomani,
domenica 2 aprile, l’edizione 2017 di Bit – Borsa Internazionale
del Turismo.
Sedi dell’evento saranno Fieramilanocity e il MiCo, uno tra i
piu’ grandi centri congressi d’Europa e del mondo.

La cerimonia di inaugurazione e’ prevista alle ore 10.30.

L’assessore Parolini terra’ successivamente due conferenze
stampa.

La prima, alle 11.30, e’ dedicata alla presentazione del Progetto
per la promozione del cicloturismo in Lombardia che si chiama
‘inBici inLombardia’ e la partnership di Regione Lombardia con
il 100° Giro d’Italia. Sara’ presente anche il campione di
ciclismo Gianni Bugno.

L’assessore partecipera’ poi all’incontro in cui Varese presenta
gli eventi turistico-sportivi del 2017 (ore 12.45).

La seconda, alle 15.30, avra’ come argomento il progetto ‘Cult
City’ in Lombardia, iniziative di valorizzazione delle citta’
d’arte lombarde.

– ore 10.30, Mico Sud livello 2, collegato a Padiglione 4- Sale
brown (viale Lodovico Scarampo, 2 – Milano);

– ore 11.30 – Pad. 4 (stand C11 C27 F12 F28) Fiera Milano City –
Milano

– ore 12.45 stesso luogo (Pad.4)

– ore 15.30 stesso luogo (Pad.4). x

SESTA EDIZIONE DELL’ADAMELLO SKI RAID

“Questa manifestazione non poteva non
essere inserita tra i grandi eventi sportivi della Regione
Lombardia per il coraggio che manifestano gli atleti coinvolti e
per il paesaggio, forse uno dei piu’ belli al mondo. Contribuire
concretamente alla riuscita di queste iniziative per noi e’ una
soddisfazione perche’ consideriamo importantissimo investire sul
territorio e sulle sue iniziative”.
Lo ha detto Antonio Rossi, assessore regionale allo Sport e alle
Politiche per i giovani, annunciando la sesta edizione
dell’Adamello Ski Raid che si terra’ domenica 2 aprile.
La sfida internazionale di sci alpinismo a squadre valida per i
circuiti ‘La Grande Course’ e ‘Coppa delle Dolomiti’ prevede la
partecipazione di 350 coppie, quota massima fissata
dall’Adamello Ski Team e oltre 250 volontari.

PRCORSO DI GARA – Confermato dagli organizzatori il percorso di
gara ormai classico, che prevede un dislivello di 4.300 metri
per 48 km di sviluppo. La gara maschile partira’ alle 5.30 da
localita’ Tonalina (1.630 metri) con la prima salita verso i 2585
metri di Passo Paradiso, quindi altra ascesa ai 2.996 metri di
Passo Presena, dove e’ previsto il primo cambio pelli.
Discesa poi verso i 2.403 metri del Lago Mandrone, per un
ulteriore cambio assetto per giungere ai 3.250 metri del
“Canalino Ski Raid”. Si prosegue quindi verso le Lobbie con un
suggestivo passaggio proprio sulla terrazza del rifugio “Ai
Caduti dell’Adamello”. Da li’, l’ascesa verso Cresta Croce e il
cannone a quota 3.300 metri. L’immensa distesa del Pian di neve
portera’ gli atleti sulla cima dell’Adamello, il punto piu’ alto
della gara con i suoi 3.539 metri. Seguira’ lo scollinamento
verso i 3.390 metri del Passo degli Italiani, quindi la discesa
lungo il versante Nord del Corno Bianco, la risalita ai 3.230
metri di Passo Venezia, per poi scendere lungo lo splendido
itinerario del Pisgana, passando per i 2.530 metri dell’omonimo
lago, quindi gli ultimi 10 km sino ai 1.250 metri del traguardo
di Ponte di Legno. Per le donne stesso percorso, ma con partenza
piu’ in quota, ai 2.585 metri di Passo Paradiso alle ore 6.00.

IMPEGNO PER LA MONTAGNA – “Lo sport e il territorio sono due
delle parole chiave del nostro lavoro in Regione come dimostrano
i molteplici interventi sulla montagna – ha sottolineato Rossi –
non ultimo la delibera per stanziare 1,8 milioni per gli
impianti di risalita e per le piste da sci con neve artificiale
approvata questa settimana dalla giunta su mia proposta”.

VALORIZZARE TERRITORIO “Noi vogliamo rimanere al fianco di chi
si impegna – ha concluso Rossi – come da anni fanno gli
organizzatori di questa competizione, a valorizzare e promuovere
la nostra Regione offrendo al territorio una vetrina
internazionale”. x

INAUGURAZIONE X EDIZIONE DEL TRIENNALE DESIGN MUSEUM

L’assessore alle Culture, Identita’ e
Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini, partecipera’
domani, venerdi’ 31 marzo a Milano, all’inaugurazione della
decima edizione del Triennale Design Museum, che quest’anno
presenta una nuova storia del design italiano dedicata al mondo
dell’infanzia.

– Ore 19, Triennale di Milano, Viale Emilio Alemagna 6, Milano x

FIERE, PAROLINI: NASCE POLO ORIENTALE PER ESSERE PIU’ COMPETITIVI

“E’ gia’ pronto l’accordo formale e
presto nascera’ il Polo fieristico della Lombardia orientale”. E’
quanto ha annunciato stamane l’assessore allo Sviluppo economico
di Regione Lombardia Mauro Parolini al termine della seconda
riunione operativa del tavolo fiere territoriale, al quale
siedono Brescia, Montichiari, Bergamo e Cremona (Fiera di
Brescia – Brixia Expo S.p.A. e Centro Fiera del Garda S.p.A.,
Promoberg e Bergamo Fiera Nuova, Cremonafiere S.p.A.).

All’ordine del giorno la condivisione delle azioni comuni per
aumentare la competitivita’ e l’efficacia del sistema fieristico
della Lombardia dell’Est attraverso una maggiore integrazione e
aggregazione tra gli operatori.

SVOLTA RADICALE – “Nel settore fieristico – ha spiegato Parolini
– e’ necessaria una svolta radicale: o si condividono scelte
strategiche tra diversi territori oppure non si fa un servizio
utile alle imprese e la gestione e’ piu’ difficoltosa. Per questo
durante la legislatura ci siamo confrontati con gli operatori
fieristici della Lombardia orientale sulla necessita’ di attivare
e rilanciare iniziative congiunte, coordinando i rispettivi
calendari e mettendo a fattor comune le risorse e le competenze
per dare un respiro sempre piu’ internazionale agli eventi”.

FIRMA INTESA – “I vertici dei quartieri fieristici, che
conoscono molto bene il mercato, hanno colto questa sfida con
lungimiranza e attenzione e, dopo il positivo accordo tra
Montichiari e Brescia, – ha sottolineato l’assessore –
firmeranno una nuova intesa con l’obiettivo di creare una forte
aggregazione della Lombardia dell’Est in grado di competere in
modo positivo e integrarsi con la realta’ milanese e quella della
Lombardia occidentale e di stabilire una piu’ forte integrazione
anche con le vocazioni industriali dei diversi territori,
coinvolgendo i soggetti del tessuto economico di riferimento, il
Sistema Camerale e le Associazioni di categoria”.

REGIONE PRONTA A RILANCIO INTERLOCUZIONE CON MINISTERO –
“Regione Lombardia vuole essere promotrice di una positiva
relazione tra le fiere e si impegnera’ ad affiancarle per
valorizzare in modo sussidiario questo accordo.
Contemporaneamente – ha aggiunto l’assessore – rilanceremo anche
il nostro ruolo di interlocutore col Ministero dello Sviluppo
Economico per ottenere maggiore attenzione in termini di
sostegno strutturale alle nostre fiere e per affrontare le
questioni di fiscalita’ che gli operatori ci hanno sottoposto”.

SISTEMA FIERISTICO – “Il nostro sistema fieristico costituisce
un fattore primario per lo sviluppo dell’economia regionale, per
la crescita e la promozione internazionale delle nostre imprese
e dei prodotti lombardi. E – ha ricordato Parolini – oltre a
rappresentare uno strumento di proiezione delle imprese sui
mercati internazionali, soprattutto in relazione alle micro o
piccole imprese, dimensione prevalente nella nostra struttura
produttiva, e soprattutto in questa importante porzione di
Lombardia, le manifestazioni fieristiche sono anche un
importante veicolo di promozione della nostra ricchissima
offerta turistica”.

MISURA REGIONALE DA 900.000 EURO- “Per questo, oltre all’azione
politica ed istituzionale, – ha concluso l’assessore – abbiamo
lanciato con successo una misura regionale da 900.000 euro
rivolta agli organizzatori di manifestazioni fieristiche,
proprietari e gestori di quartieri fieristici per cofinanziare i
loro progetti di innovazione dell’offerta, ammodernamento delle
strutture, promozione di nuove fiere e rilancio di
manifestazioni esistenti, sottolineando il valore
dell’aggregazione anche per questo settore”. x

GOLF,ROSSI:IN SCENA DA DOMANI MONDIALE DI PITCH&PUTT

“Regione Lombardia conferma il suo
impegno nel sostenere direttamente le grandi manifestazioni
sportive che si svolgono sul territorio lombardo e che sono un
valido strumento per la promozione dello sport per tutti come il
World Strokeplay Championship che, da domani a domenica, si
svolgera’ sul campo del Golf club Le Robinie di Solbiate Olona
(Varese)”. Cosi’ l’assessore allo Sport e Politiche per i giovani
di Regione Lombardia Antonio Rossi.

IL PITCH&PUTT – “Abbiamo voluto inserire questa manifestazione
tra i grandi eventi sportivi di Regione Lombardia per la novita’
che puo’ rappresentare il gioco del pitch&putt, in sintesi il
gioco corto del golf, e per la tipologia del gioco stesso che,
non dovendosi avvalere di forza nel tiro, rappresenta uno sport
adatto anche ai giovanissimi.” Presenti infatti anche tante
giovani leve (dai 13 anni) che partiranno, senza differenza
alcuna, dal tee assieme ai giocatori senior, uomini e donne. Le
regole del pitch&putt sono sostanzialmente le stesse del golf.
La principale differenza consiste nel numero massimo di bastoni
utilizzabili durante il gioco, due ferri a scelta e,
obbligatoriamente, il putter.

“Si tratta di un gioco veloce e preciso – prosegue l’assessore –
dove la spettacolarita’ e’ garantita dalla bravura dei giocatori,
dettata da freddezza e concentrazione. E’ proprio il ritmo che
fa la differenza con il golf: qui ogni buca e’ come fosse una
partita a se’, non c’e’ l’attesa tra un colpo e l’altro”.

NUMERI – Sono 120 gli atleti di 18 Nazioni tra cui Cuba, Nepal e
Giappone che  si ritroveranno sul manto d’erba del Golf club Le
Robinie, uno dei club piu’ annoverati del nostro territorio,
lungo un percorso di 18 buche per 1.061 metri totali.

LOMBARDI IN GARA – Diversi i giocatori lombardi che
rappresenteranno l’Italia: Emanuele Barassi, Marina Cadei,
Claudio Carcano, Giovanni Cerutti, Umberto Garzonio, Federico
Malizia, Ugo Magliacano, Stefano Marazzato, Donato Pennelli,
Giuseppe Riverso, Alessandro Roncoroni, Mauro Squizzato,
Leonardo Panza, Alberto Viotto. Presenti anche tre atleti
lombardi di Special Olympics che saranno accompagnati
dall’allenatore milanese Valerio Scorza e che saranno impegnati
nel ‘Peace&Sport Trophy’ dedicato alla  “Giornata internazionale
dello sport per lo sviluppo e per la pace” del 6 aprile
istituita dalle Nazioni Unite nel 2013 con la finalita’ di
sottolineare le potenzialita’ dello sport quale veicolo di
cambiamento sociale ed inclusione.

PROMOZIONE DELLO SPORT – “Le competizioni internazionali, come
il World Strokeplay Championship oltre ad essere un importante
riflettore puntato sul nostro territorio, rappresentano per i
giovani talenti uno stimolo e la possibilita’, come in questo
caso, di potersi confrontare sul campo con i campioni. E’ per
questo che con i nostri bandi, come quello a sostegno delle
manifestazioni sportive, vogliamo sostenere la realizzazione di
eventi volti alla promozione dello sport per tutti”.

Cerimonia di apertura giovedi’ 30 marzo alle 20.30; programma e
info  http://ow.ly/mbcy30amqTp  .  Golf Ball near hole

LOMBARDY NOW AND NEXT, MARONI OGGI A LONDRA PER IL DOPO BREXIT

Il presidente della Regione Lombardia
Roberto Maroni, con l’assessore regionale all’Economia, Crescita
e Semplificazione Massimo Garavaglia, e’ questa mattina a Londra,
all’appuntamento ‘Italy now and next – Milan at the heart of
tomorrow’s Europe: attraction, expertise and investments’,
organizzato dall’Ambasciata italiana nel Regno Unito presso la
sede londinese di Bloomberg, anche per supportare la candidatura
di Milano a diventare nuova sede dell’Ema.

A Londra il presidente illustrera’ il documento, gia’ condiviso
dal Tavolo istituzionale economico, sociale e accademico
milanese e lombardo, costituito, su iniziativa della Regione
Lombardia, per valutare tutte le opportunita’ offerte dalla
Brexit.

A supporto della candidatura di Milano, il governatore
evidenziera’ le peculiarita’ della Lombardia e, in particolare
che:

TRA LE REGIONI PIU’ COMPETITIVE D’EUROPA – La  Lombardia  e’ tra
le regioni  piu’  competitive  in  Europa ed  e’ parte integrante
dei’ Quattro motori per l’Europa’ con Catalogna, Rhone Alpes e
Baden Wurttenberg;

LA REGIONE PIU’ COMPETITIVA D’ITALIA – La Lombardia e’ la regione
piu’ competitiva del nostro Paese in termini di valore aggiunto
industriale, occupazione e Pil pro-capite; cio’ e’ dovuto alle
caratteristiche specifiche del tessuto produttivo, alla
straordinaria  presenza di micro, piccole e medie imprese della
produzione  artigiana,  industriale  e del terziario, alla
cultura di impresa, alla qualificazione  del capitale umano,
alla disponibilita’ di un sistema globale integrato di scambio
aperto di conoscenze  tra il mondo della ricerca e
dell’innovazione e quello della produzione;

CROCEVIA NAZIONALE E INTERNAZIONALE – La posizione geografica
della Lombardia, al centro della Macroregione  Alpina, risulta
essere un naturale crocevia nazionale ed internazionale;

EFFICIENTE NEL PAGARE I FORNITORI – La Lombardia e’ una delle
regioni italiane che si caratterizza per un efficiente sistema
dei pagamenti dei fornitori (13 giorni di anticipo rispetto alla
scadenza nel settore sanitario e 6 giorni di anticipo rispetto
alla gestione ordinaria);

TRA LE REGIONI PIU’ DOTATE PER COLLEGAMENTI – La Lombardia  e’ una
delle regioni italiane maggiormente  dotate dal punto di vista
dei collegamenti ferroviari ad alta velocita’ e delle
infrastrutture aeroportuali (4 aeroporti, di cui  3
internazionali;  Milano-Malpensa   rappresenta  il  primo
aeroporto  italiano  per trasporto merci ) quasi il 50% del
mercato italiano. La Lombardia si caratterizza inoltre per  un
sistema  infrastrutturale  tra  i piu’  avanzati  di Europa,  sia
per la logistica e la mobilita’ pubblica e privata che collega
citta’, aeroporti e aree strategiche, sia per tutto quello  che
riguarda le utility, in particolare  le cosi’ dette New
Generation Network o infrastrutture di telecomunicazioni che
hanno consentito a Milano di essere la citta’ con la velocita’ di
banda maggiore in Europa;

GRANDE ATTRATTIVITA’ DI CAPITALI – La Lombardia  attira  il  46%
del  totale  nazionale  di investimenti in private equity e
venture capitai e il 47,5% delle imprese a partecipazione
estera in Italia ha la propria sede nel territorio lombardo;

CAPITALE FINANZIARIA D’ITALIA – La Lombardia – e Milano in
particolare – e’ la ‘capitale’ finanziaria d’Italia  e tra le piu’
rilevanti d’Europa. E’ sede della Borsa e sede delle piu’
rilevanti realta’ finanziarie dei maggiori istituti bancari,
condizione che le attribuisce un ruolo di primaria importanza
nel contesto nazionale ed internazionale;

TRA LE REGIONI PIU’ AVANZATE PER INNOVAZIONE – La Lombardia si
posiziona tra i territori piu’ avanzati in termini di innovazione
e capacita’ di  attrazione  degli  investimenti, in possesso
quindi di asset strategici che le hanno consentito  di
aggiudicarsi e di realizzare con straordinario  successo la
manifestazione Expo Milano 2015 (145 Paesi espositori,
rappresentativi del 95% della popolazione mondiale, e oltre 21
milioni di visitatori), che ha rappresentato un ulteriore volano
di promozione del territorio;

AREA EXPO D’AVANGUARDIA – Il sito di EXPO 2015 risulta
particolarmente adatto all’insediamento di nuove attivita’ di
ricerca e innovazione: si tratta di un’area dotata delle piu’
moderne infrastrutture digitali e tecnologiche  e facilmente
accessibile  dall’intera  Regione Lombardia e dal centro di
Milano grazie alle connessioni  viabilistiche e ai sistemi di
trasporto pubblico realizzati in occasione dell’Esposizione
Universale;

HUMAN TECHNOPOLE – Come eredita’ dell’Esposizione Universale e’
stato lanciato il progetto Human Technopole, un polo
tecnico-scientifico nel sito di Expo dedicato alla ricerca
avanzata nel campo delle  scienze  umane, che promuova un
approccio multidisciplinare e integrato  sul  tema  della
salute  e  dell’invecchiamento(medicina,  big  data,
nanotecnologie  e nutrizione); Human Technopole ha l’ambizione
di diventare il centro propulsore di un vero e proprio
‘ecosistema di innovazione e attivita’ industriali’, con un polo
universitario,  incubatori di start-up  e il trasferimento  di
centri  di  ricerca  e di produzione di alcune grandi
multinazionali nei settori Life sciences e IT;

NORMATIVE PRO IMPRESE – La Lombardia si  e’ gia’  dotata  di  un
quadro regolatorio favorevole a chi vuole fare impresa  e
investire  sul territorio  regionale, in particolare  attraverso
le leggi regionali 11/2014 ‘Impresa  Lombardia’  e 26/2015
‘Manifattura diffusa, creativa e tecnologica 4.0′, oltre al Pdl
‘Lombardia e’ Ricerca';

NUMEROSE IMPRESE BRITANNICHE – Significativa e’ la presenza di
imprese a partecipazione o controllo britannico sul territorio
lombardo: sono ben  496, che fanno del Regno Unito il quarto
investitore estero, danno  lavoro  a  circa  50mila persone,
generano un fatturato pari a oltre 13 miliardi di euro; degli
ultimi progetti di investimento sviluppati sul territorio
lombardo da parte di 40 aziende inglesi, una  percentuale pari
al 30%  e’ ad alto contenuto tecnologico; la citta’ di Milano
ospita buona parte delle imprese a trazione britannica presenti
in Lombardia: sul suo territorio ne sono presenti 392 su 496,
quasi l’80%; i dipendenti sono 43.175 su un totale di 49.799; il
valore del fatturato e’ pari a circa 10,9 miliardi di euro, 1’84%
del totale;

PRIMA IN ITALIA PER START UP INNOVATIVE – La Lombardia e’ la
prima regione italiana per numero di start up innovative: 1.287
su un totale di 5.949 (21,6% del totale), la sola citta’ di
Milano ne ospita piu’ di 800 ed e’ dotata di un ecosistema
dell’innovazione molto ricco a articolato;

VOCAZIONE INTERNAZIONALE – Milano conferma la propria vocazione
internazionale ospitando 106 consolati e 21 Camere di Commercio
bilaterali. In particolare la Camera di Commercio Britannica in
Italia, con sede a Milano, puo’ essere veicolo di amplificazione
del Sistema Lombardia;

PRIMATO NELLA RICERCA – la Lombardia vanta sul proprio
territorio 13 Universita’ con capacita’ di ricerca e formazione
in area biomedica di straordinario rilievo. Parliamo di circa
90tra corsi di laurea  in medicina,  biologia,  chimica,
bioingegneria  e farmacia. In queste materie si sono avuti nel
2015 circa 4000 laureati. I dottorandi di ricerca in quest’area,
nel 2014, sono  stati  circa  1750. In termini  di  capitali
umano,  di  alta  formazione,  la  regione fornisce  quindi
risorse  davvero  ingenti.  Per  quanto riguarda  la  ricerca,
grande  e’ il contributo dei 19 Istituti di ricerca a carattere
scientifico lombardi (di cui 16 collocati nell’area compresa tra
Milano e Pavia). Si tratta di ospedali che si occupano di
ricerca sperimentale, clinica e traslazionale in una singola
area scientifica o in aree integrate. Gli Irccs lombardi hanno
prodotto, nel 2014, 23500 punti di impact factor (oltre la meta’
dell’intera produzione  italiana.) Accanto  agli Irccs  vi sono
poi 12 Istituti  del Centro nazionale per le ricerche, 9 Cluster
tecnologici, oltre 960 centri di ricerca e trasferimento
tecnologico;

SCUOLA EUROPEA – A Varese, da oltre 50 anni, e’ attiva la Scuola
Europea, che ospita  circa 1300  alunni suddivisi in cinque
sezioni linguistiche, con iscrizione e frequenza a titolo
gratuito per i figli dei funzionari e degli altri agenti delle
istituzioni e degli organismi dell’Unione europea;

CENTRO RICERCA ISPRA – In Lombardia  e’ presente il Centro Comune
di Ricerca di Ispra (CCR-JRC)  della CE, dove  operano  piu’  di
2000  persone,  cittadini  dei  diversi  Stati  dell’Unione, con
una Direzione  espressamente  dedicata alla ricerca nel settore
della salute pubblica e della tutela del consumatore;

ALTA ATTRATTIVITA’ DI TURISMO CULTURALE – L’area milanese e la
Lombardia stanno  vivendo  una  fioritura  artistica, culturale
e urbanistica che ha portato il capoluogo lombardo a essere
indicato al terzo posto nella classifica delle migliori citta’ da
visitare nel 2015 edita da Lonely Planet, a testimonianza di un
ambiente culturale ideale per offrire stimoli a alta qualita’
della vita ai funzionari e allo staff delle istituzioni europee;

ITALIA TERZO PAESE PER DEPOSITI BREVETTI – con l’uscita del
Regno Unito, l’Italia diviene il terzo Paese in Europa per
numero di depositi annuali di brevetti (dopo Francia e
Germania); la Lombardia e’ al primo posto per brevetti nazionali:
oltre 190 mila nel 2015, il28 per cento di quelli italiani; ed e’
al primo posto in Italia per brevetti europei: oltre 15 mila lo
scorso anno, il 34,5 per cento del totale;

AL SECONDO POSTO IN EUROPA PER PRODUZIONE FARMACEUTICA –
L’Italia, e piu’ nello specifico la Lombardia, si posiziona al
secondo posto nell’UE (dopo la Germania) per la produzione
farmaceutica, con un trend in continua crescita ed un export
collegato che supera il 70% della produzione; in Italia sono
presenti quasi tutte le global Big Pharma, con siti dedicati
alla ricerca e alla produzione, e un tessuto di medie e piccole
imprese concentrate prevalentemente nelle fasi di ricerca
preclinica e Fase l, in massima parte concentrato in Lombardia
(che rappresenta oltre il 50% dell’intero settore Life Sciences
in Italia); il  polo produttivo farmaceutico e’ integrato ad  un
ampio sistema distributivo della chimica e delle importazioni
dei principi attivi (API), nel quale la Lombardia rappresenta il
30% del dato nazionale;

AIFA ALL’AVANGUARDIA – L’Agenzia  italiana del farmaco (Aifa)
rappresenta, tra  le Agenzie regolatorie del farmaco, una delle
piu’ innovative e competenti in Europa; e’ in prima linea per
l’individuazione dell’accesso alle cure con farmaci innovativi,
ha elaborato nuovi algoritmi per l’identificazione e la
validazione dell’innovativita'; fornisce Scientific advice  nelle
fasi precoci di sviluppo del farmaco; applica un sistema di
management agreement per la valutazione dei rapporti di
rischio/beneficio e prezzo/beneficio;

INVESTITI 700 MLN IN STUDI CLINICI – In Lombardia, negli ultimi
3 anni, sono stati investiti 700 milioni di euro in studi
clinici, che portano l’Italia ad essere il 3° mercato europeo
(8% degli studi clinici commerciali e 27% degli studi clinici no
profit in Ue); piu’ del 50% delle sperimentazioni cliniche del
farmaco avviate in Italia coinvolgono la Lombardia, la meta’
delle quali con un ente lombardo come coordinatore;

MILANO CAPITALE BIOMEDICA D’EUROPA – Milano si sta sempre piu’
connotando come capitale della ricerca biomedica in Europa,
grazie anche alla concentrazione (per numero e specializzazioni)
di Centri di Ricerca pubblici e privati all’avanguardia: Citta’
della Salute (Besta e Tumori), Istituto Mario Negri, Humanitas,
Ieo, Ifom, San Raffaele, Policlinico di Milano, Istituto di
genetica molecolare, Policlinico San Matteo di Pavia, Ospedale
di Niguarda, per citare solo i piu’ importanti. Grazie a questa
massa critica che aggrega competenze di elevata qualita’ della
ricerca nazionale ed internazionale, Milano si sta configurando
sempre di piu’ come un sito attivo di scambi e mobilita’ di alto
profilo;

A MILANO CLUSTER REGIONALE SCIENZE VITA – A Milano ha sede il
Cluster regionale lombardo scienze della vita, costituito da
circa cento imprese, universita’, IRCCS pubblici e privati,
Aziende ospedaliere, centri di ricerca pubblici e privati,
associazioni datoriali, il quale rende Milano e la Lombardia un
polo di eccellenza di livello internazionale per la ricerca e
l’innovazione nell’ambito delle Scienze della Vita. Esso
collabora fattivamente con il Cluster nazionale scienze della
vita – Alisei (Advanced life science in Italy) il quale dialoga
con i ministeri sui temi di interesse del settore delle Scienze
della vita, contribuendo alla definizione delle strategie
nazionali. x